PABLO NERUDA poesie CHIEDO SILENZIO da STRAVAGARIO Testo ITA

 

 

Pablo Neruda
Chiedo Silenzio

( Pido Silencio )

 

 

Dalla raccolta di poesie del libro:

Stravagario

(1958)

 

 

Letteratura cilena

testo completo, traduzione in italiano

 

 

Pablo Neruda Tutte le poesie > qui

 

 

La raccolta di poesie del libro “Stravagario” del poeta cileno, premio nobel per la letteratura, Pablo Neruda, segna il momento in cui il poeta Neruda, attenuato l’atteggiamento ‘eroico’ dell’impegno politico e civile, rivendica il posto al cuore, chiede il permesso di nascere intimamente nella poesia di temi che non entrano direttamente nella sua partecipazione alla Storia, ma che fanno parte, invece, della sua storia personale e, soprattutto, dell’amore.

La raccolta di poesie del libro “Stravagario” di Pablo Neruda è stata pubblicata per la prima volta nel 1958.

La poesia di Pablo Neruda “Chiedo silenzio” apre la raccolta di poesie del libro “Stravagario” e introduce quanto detto sopra, come un saluto o un motivo.

Qui sotto trovi il testo completo tradotto in italiano della poesia di Pablo Neruda “Chiedo silenzio”.

Il testo originale in spagnolo della poesia di Pablo Neruda “Chiedo silenzio” (in spagnolo: Pido silencio) lo potete trovare su yeyebook cliccando qui.

Il testo tradotto in inglese della poesia di Pablo Neruda “Chiedo silenzio” (in inglese: I Ask for Silence) lo potete trovare su yeyebook cliccando qui.

Nel menù in alto o a lato, potete trovare il testo completo della poesia di Pablo Neruda: “Chiedo silenzio” tradotto in altre lingue: francese, tedesco, cinese, ecc.

Più sotto trovate il video, audio-libro, della Poesia di Pablo Neruda: “Chiedo silenzio”.

Buona lettura, buon ascolto e buon silenzio…

 

Leggi o compra i libri e gli ebook di Pablo Neruda su Amazon > qui

 

 

Pablo Neruda

Chiedo silenzio

 

testo completo della poesia

traduzione in italiano

 

 

 

Chiedo silenzio.

Ora, lasciatemi tranquillo.

Ora, abituatevi senza di me.

 

Io chiuderò gli occhi

E voglio solo cinque cose,

cinque radici preferite.

 

Una è l’amore senza fine.

 

La seconda è vedere l’autunno.

Non posso vivere senza che le foglie

volino e tornino alla terra.

 

La terza è il grave inverno,

la pioggia che ho amato, la carezza

del fuoco nel freddo silvestre.

 

La quarta cosa è l’estate

rotonda come un’anguria.

 

La quinta cosa sono i tuoi occhi.

Matilde mia, beneamata,

non voglio dormire senza i tuoi occhi,

non voglio esistere senza che tu mi guardi:

 

io muto la primavera

perché tu continui a guardarmi.

 

Amici, questo è ciò che voglio.

E’ quasi nulla e quasi tutto.

 

Ora se volete andatevene.

 

Ho vissuto tanto che un giorno

dovrete per forza dimenticarmi,

cancellandomi dalla lavagna:

il mio cuore è stato interminabile.

 

Ma perché chiedo silenzio

non crediate che io muoia:

mi accade tutto il contrario:

accade che sto per vivere.

 

Accade che sono e che continuo.

 

Non sarà dunque che dentro

di me cresceran cereali,

prima i grani che rompono

la terra per vedere la luce,

 

ma la madre terra è oscura

e dentro di me sono oscuro:

sono come un pozzo nelle cui acque

la notte lascia le sue stelle

e sola prosegue per i campi.

 

È che son vissuto tanto

e che altrettanto voglio vivere.

 

Mai mi son sentito sé sonoro,

mai ho avuto tanti baci.

 

Ora, come sempre, è presto.

La luce vola con le sue api.

 

Lasciatemi solo con il giorno.

Chiedo il permesso di nascere.

..

.

Pablo Neruda – Chiedo Silenzio

Dalla raccolta di poesie del libro:

Stravagario (1958)

Letteratura cilena

testo completo, traduzione in italiano

 

 

Pablo Neruda Pido Silencio Testo originale in spagnolo > qui

 

 

Pablo Neruda I ask for silence English text > qui

 

 

 

Pablo Neruda Tutte le poesie > qui

 

 

Leggi o compra i libri e gli ebook di Pablo Neruda su amazon > qui

 

 

 

Video Audio libro – Lettura
Pablo Neruda – Chiedo Silenzio

 

 

Pablo Neruda Biografia e bibliografia > qui

 

 

 

 

www.yeyebook.com

 

Sharing culture!

Potrebbero interessarti anche...